Translate

lunedì 9 ottobre 2017

Figli di Vegan si nasce, non si diventa. Riflessioni per una gravidanza sicura.

Figli di Vegan si nasce, non si diventa.
In realtà questo non è del tutto vero; dal punto di vista anagrafico i miei figli sono diventati "Figli di Vegan" solo da 6 anni. Quando sono nati ero un povero Onnivoro e con poche idee su quanto l'alimentazione fosse importante per garantire una buona salute, non solo a se stessi ma anche ai propri figli. Questo per fortuna non ha avuto conseguenze ancora evidenti sul loro stato di salute, ma sono convinto che se avessi cominciato prima il mio percorso per diventare io stesso Vegano, sarebbe stato sicuramente più rassicurante.
Oggi si sa, e io stesso so, molto di più su questo argomento che, a fatica tenta di farsi strada nella frastornante cultura onnivora che, forte dell'opinione pubblica distribuita dai Media figli delle Lobbies, continua a comunicare che l'Essere Umano è Onnivoro e deve mangiare di tutto.
Non voglio con questo articolo mettere paglia al fuoco che già arde da tempo, ma vorrei solo concentrare l'attenzione su quanto i futuri Genitori possono fare per garantire al proprio nascituro un buon inizio di vita su questo pianeta. Quello che poi loro stessi possono fare per rendere meno sofferente la vita futura del/della loro figlio/a, sta a loro sostenerlo mediante l'esempio quotidiano e una corretta informazione in merito.
Nessuno può negare che la salute di un bambino inizi ancora prima, o forse MOLTO PRIMA, del concepimento e della gravidanza. Qualche tempo fa si diffondevano addirittura informazioni relative a specifiche diete che avrebbero il potere di orientare il concepimento verso un sesso piuttosto che un altro: vuoi un maschio mangia questo e quello; vuoi femmina mangia così e cosà. Non è del tutto sbagliato pensare a questo ma se ancora vale il detto " .. guarda, basta che sia sano", allora bisogna impegnarsi ben prima e non solo durante il periodo di concepimento, senza pensare che quello che mangi deve influenzare l'accoppiamento di due gameti (spermatozoo e ovulo) X e Y (Femmina) piuttosto che X e X (Maschio).
Ovviamente è la salute e lo stile di vita di ENTRAMBE I GENITORI che conta ed avrà un impronta decisiva sulla salute del bimbo/a che verrà, alla nascita e durante tutta la sua vita.
In tutto questo l'evoluzione (o meglio la devoluzione) del cibo che viene proposto nei paesi occidentali ha avuto ed ha un ruolo fondamentale: basti pensare che dagli anni 40 del 1900, la concentrazione dello sperma è diminuita del 40%, mentre il volume del 20%. Secondo diversi studi questo disastro è dovuto all'Alimentazione Occidentale convenzionale, sregolata, onnivora.
Come ho già avuto modo di esprimere nel mio articolo Radicali liberi, Stress Ossidativo e Alimentazione, i radicali liberi, veri e propri proiettili, non risparmiano neanche lo sperma che risulterebbe molto sensibile all'azione distruttiva dei radicali liberi; guarda caso l'alimentazione occidentale convenzionale ed onnivora (fatta appositamente per sostenere gli interessi delle grandi industrie alimentari) è molto povera di antiossidanti, i nemici dei radicali liberi.
Un'Alimentazione ricca di Frutta e Verdura, soprattutto consumate crude, contrasta efficacemente i radicali liberi che fisiologicamente si formano nel nostro corpo, grazie alla ricchezza di Antiossidanti contenuti nei Vegetali avendo così un effetto di contrasto sui danni da radicali liberi, compresi ovviamente quelli rivolti agli organi che producono i gameti (spermatozoi e ovuli).
Nutrienti importanti per la produzione di sperma sano sono i seguenti elementi: Zinco, Selenio, Vitamine A, C ed E. Tutti sono degli antiossidanti e tutti sono ben contenuti nei cibi vegetali contribuendo notevolmente a rendere gli spermatozoi più numerosi, ben formati e con la mobilità necessaria per raggiungere l'ovulo e fecondarlo.
Anche per la futura madre, iniziare una sana alimentazione almeno 6 mesi prima del concepimento, può garantire una riserva di nutrienti utili per la crescita del feto fino alla nascita. E' stato anche dimostrato che una dieta bilanciata ricca di alimenti vegetali è fondamentale per garantire alla madre un Microbioma (flora batterica intestinale ma non solo intestinale) ottimale a garantire al feto ed al futuro bambino un valido sistema immunitario, che non riguarda soltanto la lotta contro i batteri patogeni, ma anche tutte le problematiche inerenti allergie e intolleranze che guarda caso sono in continuo aumento.
Va detto comunque che una futura madre che segue una dieta Vegana, debba preoccuparsi di integrare due importanti elementi: Vitamina B12 e Acido Folico.
Ah, ecco l'intoppo! Mi dici di fare il vegano in gravidanza ma devo integrare?!
A onor del vero i Ginecologi sono abituati a prescrivere Vitamina B12 e Acido folico a TUTTE le future mamme, lo farebbero anche con le mamme vegane le quali però hanno molte più probabilità di non incorrere in queste carenze se si alimentano di verdure a foglia verde che contengono acido Folico (ad esempio spinaci, broccoli, asparagi, lattughe) e se la loro alimentazione consente alla flora batterica intestinale di produrre come dovrebbe anche la Vitamina B12.
A scopo precauzionale si prescrivono B12 e Folati fino al termine della dodicesima settimana in quanto la loro carenza sarebbe troppo dannosa nello sviluppo del feto, soprattutto dal punto di vista neurologico.
ATTENZIONE però a non usare troppo, o in malo modo, la cottura degli alimenti vegetali perchè questo comporta distruzione o diminuzione di nutrienti importanti come le vitamine ed i minerali.

Se nel periodo pre-concepimento è importante mantenere un'alimentazione sana e ben bilanciata come detto sopra, nei successivi periodi del cammino che porteranno ad un essere umano completo, ben sviluppato ed in salute, è necessario seguire delle regole alimentari che permettano di non far mancare niente al processo di sviluppo del feto e successivamente del bambino: gravidanza, allattamento al seno (meglio!) o allattamento artificiale (se proprio non se ne può fare a meno!) e svezzamento sono tutte fasi che richiedono l'attenzione che meritano per non lasciare al caso il futuro di una persona, vostro/a figlio/a.











lunedì 2 ottobre 2017

ZUCCHERO: se proprio non ne puoi fare a meno ...!

Non possiamo nasconderlo, il sapore dolce dello zucchero a cui ci hanno abituati ormai da diverse generazioni, è ancora un grande richiamo per il nostro palato.
Hanno fatto di tutto per indurci a diventare dei consumatori di Zucchero, anche inconsapevoli.
Viene messo praticamente ovunque nella moderna alimentazione industriale e questo ha portato anche a disastri veri e propri sulla salute degli esseri umani che vivono in Occidente.
Il sapore dolce è anche insito nel latte materno ed è forse lì che inizia l'educazione del nostro palato, almeno per i pochi ormai fortunati che ancora vengono allattati al seno della madre.
Ci ritroviamo quindi in età adulta e ancora troppo spesso non riusciamo a fare a meno del sapore dolce, trasmessoci tramite lo zucchero vero e proprio oppure mediante tutti quei composti chimici che, nonostante la pericolosità nei riguardi della salute umana, vengono ancora introdotti nelle formulazioni alimentari come "dolcificanti".
Proprio perchè non possiamo nasconderci dietro alla difficoltà che certamente ognuno ha di fare a meno del sapore dolce, e ben sapendo che privarsene diventa una vera e propria sofferenza, occorre essere sicuri che almeno quando vogliamo il sapore dolce, questo provenga da qualcosa del tutto naturale e non da sostanze chimiche spesso dannose e persino cancerogene.

DOVE TROVARE TUTTE LE INFORMAZIONI SUGLI EFFETTI DELLO ZUCCHERO
Di Zucchero, Zuccheri e dolcificanti vari ne ho già parlato nei miei articoli qui di seguito:

ZUCCHERO e DOLCIFICANTI: insidie, pro e contro anche da quelli naturali.

In quest'ultimo articolo ho accennato allo Zucchero di Canna, quello integrale, e credo sia venuto il momento di approfondire l'argomento; gli zuccheri integrali sono gli unici che dovremmo consumare se proprio non ne possiamo fare a meno.
Ci tengo a sottolineare che occorre limitare l'uso e le quantità di zuccheri che ingeriamo ogni giorno perchè le conseguenze sulla nostra salute non tarderebbero a farsi vive per un duraturo tormentone.

STORIA BREVE
Già nel 5° secolo Avanti Cristo la Canna da Zucchero veniva coltivata in India. Ci si limitava a masticarla e succhiarla dato il suo dolce sapore. La produzione di zucchero iniziò successivamente con una diffusione in occidente solo nel XVI secolo. 


LA LAVORAZIONE
La lavorazione tradizionale era molto semplice: le canne tagliate venivano sottoposte a schiacciamento e spremitura per ricavarne un succo denso che viene fatto sedimentare ed evaporare ottenendo uno scuro sciroppo concentrato; il prodotto finale è una massa scura amorfa, umida e mobile (contiene infatti ancora molta melassa).
Per ottenere 1 solo Kg di questo prodotto occorrono 12 Kg di canna da zucchero.
Il tipo di lavorazione permette di mantenere quasi intatto il contenuto nutrizionale della canna da zucchero nel prodotto finale, conservando quindi le quantità di Minerali (potassio, ferro, fosforo, magnesio, zinco e selenio), Vitamine del gruppo B (in particolare la B2) e la Vitamina E.

Anche lo zucchero grezzo di canna può subire le stesse raffinazioni come lo zucchero di barbabietola, ma viene lasciato ad uno stadio definito "grezzo" che allo zucchero da barbabietola non è concesso in quanto avrebbe un sapore sgradevole.
Lo zucchero grezzo di canna si presenta con cristalli asciutti abbastanza regolari, più o meno grossi, ricoperti da uno strato di melassa. Il valore nutrizionale dello zucchero Grezzo è ridotto anche se rimangono piccole quantità di Minerali e Vitamine mentre i valori nutrizionali li troveremo intatti nel cosiddetto Zucchero Integrale. 

Il COMMERCIO EQUOSOLIDALE propone un buon assortimento di prodotti che possono essere utilizzati esattamente come lo zucchero raffinato, dei quali i principali possono essere i seguenti:




MASCOBADO: proviene dalle Filippine e viene considerato il top degli zuccheri integrali di canna, di colore nocciola scuro e di consistenza un po' appiccicaticcia, ha un sapore intenso e un lieve retrogusto di liquirizia.





RAPADURA: diffuso in tutta l'America Latina e nei Caraibi, venduto anche sottoforma  di mattoncini o coni tronchi; da noi viene venduto con il nome di PANELA










DULCITA: di povenienza dall'Equador ha un bel colore giallo ambrato e un gradevole sapore di
miele.




I SEMIRAFFINATIA differenza di quelli integrali, gli zuccheri semiraffinati vengono sottoposti a un processo di cristallizzazione. Tuttavia i prodotti equosolidali e Biologici non vengono trattati con sbiancanti.
Pur avendo un buon sapore i semiraffinati non tendono a cedere un particolare sapore ai cibi a cui vengono aggiunti. Per chi ha bisogno di un passaggio graduale dal raffinato (Zucchero bianco) allo Zucchero Integrale può utilizzare i Semiraffinati come alternativa di transizione.

Due degni di menzione:



PICAFLOR: prodotto in Paraguay. Di colore ambra dorato con un gradevole sapore di miele.





DEMERARA: di colore marrone dorato è originario della regione omonima, nel Guyana; viene prodotto principalmente nelle Mauritius. Si distingue per il colore marrone dorato. 



Ci siamo abituati allo zucchero bianco? Il gusto piatto, solo dolce e la difficoltà a iniziale a cambiare e guardare all'integrale sono due pro e contro al passaggio, ma i risultati premiano sicuramente!

Non dimentichiamo comunque che, per quanto più naturale e ricco di micronutrienti (minerali e vitamine), lo zucchero integrale presenta sempre gli amari risvolti di un dolcificante; se non si vuole perciò incorrere nei ben noti effetti negativi di un uso non adeguato di zucchero (diabete, carie, malattie cardiovascolari, tumori) usiamo lo con parsimonia.
Tutto quanto sopra spero aiuti a fare una scelta mirata dello ZUCCHERO INTEGRALE più idoneo al nostro palato, facendo attenzione ad evitare di acquistare lo zucchero grezzo che come detto, pur presentandosi con l'aspetto di uno zucchero integrale, non ha le proprietà nutritive dello Zucchero Integrale.

mercoledì 16 agosto 2017

OLI VEGETALI: una guida per non commettere errori negli acquisti.

Ho già avuto modo di pubblicare articoli sui Grassi (OMEGA3 e OMEGA 3 E OMEGA 6 ) e sugli Oli ( OLIO DI LINO ).

Potrebbe essere utile conoscere le denominazioni che vengono utilizzate in etichetta per identificare un Olio; sapere esattamente cosa significa una dicitura in etichetta può fare la differenza tra una "buona scelta" ed una "scelta sbagliata". Certo, tutto dipende da cosa stiamo cercando, ma, come sempre, sapere che cosa esattamente stai comprando ti permette di non consumare un prodotto che non avresti voluto, oppure capire che dietro ad un determinato prezzo c'è la qualità che stavi cercando.
Innanzitutto sappiamo che ci stiamo occupando di OLI VEGETALI.

Un Olio Vegetale può essere ottenuto da Leguminose (ad esempio Soia, Arachide) da semi (Lino, Girasole, Colza, Zucca, Canapa, Vinaccioli, ecc) da Cereali (Mais), da Frutti (Oliva, Palma, Cocco, Noci, Nocciola, Mandorla dolce).
Un OLIO VEGETALE, senza nessuna altra indicazione, designa sia un Olio che un mix di Oli di origine vegetale che ha subito un trattamento di raffinazione che può consistere in elevate temperature, oppure uso di solventi acidi e di soda. Non sta a me dare indicazioni su cosa si deve o non si deve comprare ma va da sè che chi sta cercando un Olio di qualità con ricchezza di nutrienti naturali, non acquista sicuramente un Olio Vegetale prodotto secondo le indicazioni di cui sopra.
OLIO VERGINE. Sta ad indicare un Olio che è stato prodotto esclusivamente mediante procedimenti meccanici e che non ha subito alcun trattamento chimico e neppure alcun processo di raffinazione con i metodi consentiti e indicati per ottenere un semplice Olio Vegetale.
Un Olio Vergine si distingue da un Extra-Vergine per il grado di acidità, che è superiore a 1 e può raggiungere anche il 2 o 3%.
OLIO EXTRA-VERGINE  E' una designazione specifica per l'Olio di Oliva che avrà un tasso di acidità inferiore o uguale a 1.
OLIO DI PRIMA SPREMITURA Un Olio così definito sta ad indicare un Olio non Vergine, ottenuto dalla prima estrazione che ha sicuramente subito uno o più processi di raffinazione. Ricordiamo che è solo il termine Vergine ad indicare un prodotto che ha mantenuto le sue caratteristiche di qualità naturale.
OLIO VERGINE DI PRIMA SPREMITURA A FREDDO E' la denominazione di un olio della massima qualità naturale e che ha mantenuto tutte le caratteristiche sia organolettiche che nutrizionali dell'olio contenuto nel vegetale di origine; esso infatti viene ottenuto unicamente mediante procedimenti meccanici curando che la temperatura rimanga al di sotto dei 40° C (temperatura limite per conservare intatte le caratteristiche chimiche degli Acidi Grassi contenuti e dei quali vogliamo sfruttare le proprietà). Le rese produttive di questi Oli si aggirano attorno al 70% di olio ottenuto rispetto ad un 30% che invece rimane negli scarti di prodotto di origine (seme, cereale, frutto, ecc). Questo comporta un costo dell'olio al dettaglio superiore ma che a mio parere ne giustifica comunque la scelta poichè si tratta di un Olio di qualità superiore che ha conservato tutti i principi attivi, le Vitamine, gli Acidi grassi e le altre sostanze originarie del prodotto da cui è ricavato.
OLIO IDROGENATO. E' un olio che subisce trattamenti di saturazione dei doppi legami degli acidi grassi insaturi presenti (Acidi grassi Monoinsaturi e Polinsaturi) con lo scopo di evitare ogni possibile processo ossidativo che è tipico degli oli molto ricchi di Acidi grassi insaturi: vedi ad esempio l'Olio di Lino, ma non solo. Anche in questo caso ci troviamo al cospetto di un Olio dall'aspetto cremoso e semisolido (margarina ad esempio) che non ha alcun potere nutrizionale ma semplicemente un potere calorico come qualsiasi altro grasso.
OLIO DEODORIZZATO.  E' un Olio in cui è stato iniettato vapore acqueo ad altissima temperatura, sottovuoto, allo scopo di eliminare un gusto troppo spiccato. Generalmente ho trovato nei negozi di alimentari degli oli deodorizzati di Girasole. Mi hanno detto che vengono utilizzati nelle preparazioni dei dolci per evitare appunto il sapore intenso dell'Olio originale. Il dubbio che deve venire è se in effetti questo olio ha mantenuto le sue caratteristiche nutrizionali, visto che quelle organolettiche le ha perse.
OLIO CONCRETO. E' un olio che si presenta solido a temperatura ambiente come l'Olio di Palma o l'Olio di Cocco (anche detto olio di Copra). A differenza degli Oli Idrogenati, si tratta comunque di Oli che possono aver mantenuto le loro caratteristiche di verginità con tutti i componenti naturali, ma che si presentano solidi solo per la presenza di percentuali elevate di Acidi grassi saturi. Si tratta quindi di Oli molto stabili che possono essere utilizzati per i fritti (ma lo sconsiglio caldamente QUI).


E quindi evidente che gli unici Oli che dovremmo acquistare per un'alimentazione sana e nutriente sono quelli VERGINI DI PRIMA SPREMITURA A FREDDO



domenica 13 agosto 2017

Radicali liberi, Stress Ossidativo e Alimentazione

I Radicali Liberi sono delle piccole molecole molto reattive che derivano da vari processi metabolici che utilizzano l'Ossigeno che respiriamo per essere svolte.
Una volta formati, i Radicali Liberi, si comportano come veri e propri "proiettili" chimici; immaginiamo una pallina del Flipper che una volta lanciata sbatte di qua e di là centrando vari bersagli, emettendo suoni e facendo guadagnare dei punti: allo stesso modo si comportano i radicali liberi lasciando dietro di loro una vera e propria distruzione, dovuta a reazioni a catena con le molecole biologiche del nostro corpo.
E questa loro attività distruttiva è alla base di vari squilibri all'interno del nostro corpo che si traducono in: Invecchiamento cellulare, Mutazioni del DNA, diminuzione delle difese immunitarie, favoriscono malattie come Alzheimer e Parkinson, patologie cardiovascolari, tumori, artrite reumatoide. Inoltre favoriscono le conseguenze negative del Diabete, e la neuro-degenerazione in gravi malattie come la SLA. Possono inoltre causare Ansia, Depressione, cali di energia ed interferire nella capacità di concentrazione, nel sonno e anche nelle prestazioni sessuali.
L'incanutimento della capigliatura è un effetto estetico dei radicali liberi, così come anche la formazione di rughe e macchie sulla pelle; ecco perchè considero a rischio le persone che diventano bianche di capelli precocemente; queste dovrebbero rivedere il loro stile di vita, l'alimentazione in primis per proteggersi dai danni dei radicali liberi.
Fortunatamente Madre Natura ha fornito tutti gli organismi viventi di strumenti di difesa; sono compresi tutti gli animali e le piante, che comunque sono sottoposti a queste reazioni chimiche dei radicali liberi. Tutti indistintamente sono forniti di strumenti molecolari che contrastano i radicali liberi; ovviamente, più questi strumenti sono presenti e abbondanti, meno le attività dei radicali liberi si renderanno manifeste con tutto quello che abbiamo visto poco sopra e anche di più.
Quali sono dunque questi strumenti di difesa naturali? Sono gli Antiossidanti, di cui parleremo più avanti.
Lo Stress Ossidativo, per chiudere il cerchio, è dunque una situazione di sbilanciamento tra la produzione e la presenza di radicali liberi e gli antiossidanti che li devono contrastare: nella fattispecie, ci troviamo di fronte ad una incapacità del Sistema Antiossidante ad neutralizzare tutti i Radicali Liberi. Quindi se facciamo una vita ricca di Fattori che inducono formazione di grandi quantità di Radicali Liberi, associata ad una cattiva alimentazione, avremo più possibilità di manifestare gli effetti dell'azione dei Radicali Liberi.
In particolare gli Amici dello Stress Ossidativo  e nemici della nostra salute sono:
- Fattori Chimici: farmaci, droghe, fumo, alcool, inquinamento.
- Fattori Fisici: Raggi Ultravioletti (da troppo sole, lampade solari) campi elettromagnetici (cellulari, smartphone, tablets, forni a microonde, ecc.)
- Fattori Biologici: malattie infettive, vaccini, ecc
- Fattori Psicologici: depressione, ansia, stress cronico (che diventano circoli viziosi in quanto sono anche scatenanti della produzione di radicali liberi)
- Fattori Alimentari: alimentazione scorretta, in particolare troppo povera di vegetali e troppo ricca di carni ricche di acidi grassi saturi, troppo ricca di cibi cotti; disturbi alimentari come anoressia e bulimia.

Da ricordare che anche l'Attività Fisica è una fonte di radicali liberi, tuttavia è così importante mantenerla nella nostra vita quotidiana, che non dobbiamo minimamente pensare di eliminarla quando affrontiamo e combattiamo lo Stress Ossidativo. Una Attività fisica moderata deve sempre essere mantenuta, lavorando meglio con la nostra Alimentazione.
Vediamo quindi l'Ambiente in cui viviamo svolge un ruolo determinante nel favorire la produzione o l'accumulo dei radicali liberi; l'Ambiente dunque è un fattore importante da tenere in considerazione quando si vuole combattere lo Stress Ossidativo. In alternativa, dobbiamo spostare la nostra alimentazione verso il consumo maggioritario di alimenti vegetali (Frutti e Verdure crude).
Gli ANTIOSSIDANTI sono dunque i nostri alleati nella lotta contro i Radicali Liberi.
Per analizzare questa voce prenderemo in considerazione due tipologie di Antiossidanti:
- Endogeni, cioè quelli che il nostro corpo è in grado di produrre da solo.
- Esogeni, cioè quelli che introduciamo con l'assunzione del cibo e delle bevande.
ANTIOSSIDANTI ENDOGENI: per citarne alcuni abbiamo per esempio il Glutatione, la Melatonina, le Catalasi, le Perossidasi, la SOD o Superossido Dismutase.
ANTIOSSIDANTI ESOGENI: è un argomento molto ampio che cercherò di sintetizzare per il bene di chi mi legge.
Diciamo innanzitutto che il potere antiossidante dei cibi viene misurato mediante un fattore detto ORAC (Oxigen Radical Absorbance Capacity, cioè la Capacità di Assorbimento dei Radicali liberi dell'ossigeno) e viene comunemente utilizzato per i cibi Vegetali.
I principali Antiossidanti e le loro fonti alimentari possono essere sintetizzate come segue:
- Antocianine: arance rosse, mele rosse, uva nera, frutti di Bosco, cipolle rosse, cavolo rosso
- Betacaroteni; carote, prezzemolo, spinaci, patate dolci a polpa aranciata, mais, verdure a foglia, zucche, albicocche, meloni, broccoli (che sono anche i principali fornitori di Vitamina A, vitamina antiossidante)
- Coenzima Q10: Soia, semi oleosi, cereali
- Composti solforati: Cavoli in genere, rafano, senape, porri, aglio, cipolle
- Clorofilla: tutte le verdure e le erbe commestibili verdi (come l'ortica e l'Erba di Grano), olio Extravergine di Oliva
- Esperidina: Buccia e albedo (la parte bianca) degli agrumi, in minor misura anche le foglie verdi delle verdure
- Isoflavoni: Soia, Lenticchie, Trifoglio rosso,
- Licopene: pomodori (soprattutto cotti) angurie, fragole, ciliegie
- Luteina: Cavoli, Spinaci e verdure a foglia in genere, papaia, broccoli, grano integrale, piselli, cicoria, crescione, porri.
- Polifenoli (comprendono molti antiossidanti tra cui oltre ai già citati anche flavonoidi, flavonoli, catechine, flavoni, tannini): Agrumi, Thè Verde, uva, cioccolato fondente (minimo 80% di cacao meglio se crudo), broccoli, cipolla, ciliegie, melagrana, kiwi, fragole, lamponi e mirtilli.
- Quercetina: Cipolle, capperi, sedano, mele, uva, tè verde e vino rosso.
- Rutina: agrumi, grano saraceno, menta piperita, eucalipto, barbabietola.

Cosa avete notato nella precedente tabella? Proprio così, le fonti alimentari più importanti di antiossidanti si trovano solo nei Vegetali (Frutta e Verdura)

Tra le vitamine quali sono quelle che hanno potere antiossidante? Ricordatevi la sigla ACE: Vitamina A, C ed E.
A = betacarotene e retinolo : vedi elenco alimenti sopra.
C : peperoni rossi, prezzemolo, fragole, agrumi, cavolini di Bruxelles, broccoli, pomodori.
E : mandorle, noci, grano integrale, semi di girasole, soia, olio extravergine di oliva.

Minerali ad azione antiossidante e dove li troviamo
ZINCO: semi di zucca, zenzero, succo d'uva, germogli, cereali integrali, verdure a foglia
RAME: frutta secca, semi oleosi, funghi, verdure a foglia
SELENIO: semi oleosi (soprattutto noci del Brasile) cereali integrali, alghe, verdure a foglia, legumi
POTASSIO: avocado, kiwi, banane, albicocche, noci, mandorle, broccoli.

I COLORI CI GUIDANO NELLA SCELTA DEGLI ANTIOSSIDANTI:

ROSSO: licopene, antocianine
GIALLO-ARANCIO: carotenoidi, flavonoidi
VERDE: clorofilla, carotenoidi
BLU - VIOLA: antocianine, carotenoidi, betacarotene, resveratrolo
BIANCO: quercetina

Ricordiamoci comunque che i vegetali dalle tinte scure come l'Uva nera, prugne viola, mirtilli, more, fragole, sono i frutti più ricchi di antiossidanti. 

E per concludere la sintesi delle sintesi, ecco i MAGNIFICI 3: 



FRUTTI DI BOSCO: contengono acido ellagico, potente antiossidante; rafforzano il sistema immunitario e prevengono i tumori

CURCUMA: contiene curcumina, un potente antiossidante e antitumorale. Per sfruttare il suo potere è necessario consumare la polvere e unire una grattata di pepe nero (il rapporto in peso potrebbe essere di  10:1 Curcuma polvere: Pepe nero.


TE' VERDE: contiene i polifenoli epigallocatechina-3-gallato ed epicatechina-3-gallato. I longevi di Okinawa bevono tè verde in abbondanza spesso mescolandovi della curcuma in polvere.






venerdì 21 luglio 2017

Trasparenza etichette: obbligo di dichiarazione origine dei cereali.

Giusto una settimana fa ho pubblicato un articolo sul tema dei Cereali ed in  particolare del Grano. La situazione era ancora oscura, preoccupante e demotivante, soprattutto per chi fa di questa coltivazione una professione seria e consapevole.
Leggi l'articolo GRANO IN ITALIA: situazione a dir poco sconcertante
Sono contento perchè ad appena una settimana di distanza la situazione sembra si sia parzialmente sbloccata e riporto qui l'aggiornamento che proprio oggi è stato annunciato dai telegiornali:

entro 3 mesi (quindi teoricamente entro fine Ottobre 2017) le etichette dei prodotti alimentari Pasta e Riso dovranno essere aggiornate riportando il paese di origine del prodotto o cereale usato come ingrediente.

Preparatevi a vedere la pasta Barilla, fino ad oggi Made in Italy, con la bandiera Canadese!

Vederemo se i tempi saranno rispettati o se arriveranno le solite deroghe Made in Italy.
Quindi avremo la possibilità di sostenere il vero Made in Italy per il Riso e il Grano, ponendo attenzione alle etichette dei prodotti che ci vengono offerti; vedremo se nei Discount ci sarà la fila ad accaparrarsi i prodotti che il più delle volte sono finti Made in Italy, perchè semplicemente confezionati o preparati e confezionati (la pasta con il Grano straniero) con Riso e Grano al Glifosato, provenienti da paesi dove l'irrorazione di questo antiparassitario è permessa fino a poco prima della raccolta.
Scegliere il vero Made in Italy sarà quindi un vero atto di consapevolezza nella scelta dei nostri prodotti che sono tra i più protetti a livello Europeo e anche mondiale.

giovedì 20 luglio 2017

LIEVITO DI BIRRA: usare quello giusto per una integrazione naturale

Il Lievito di birra ha una presenza millenaria nella storia della salute e del benessere: se ne parlava già in alcuni documenti egizi risalenti a 3500 a.C. come di un preparato a base di "fondo di birra" per la salute e la longevità.
Oggi si producono 2 tipi di lievito di birra, entrambe per fermentazione su un substrato di malto, cioè di Orzo germogliato. A seconda delle temperature utilizzate durante il processo si ottiene un Lievito non più attivo dal punto di vista fermentativo (0 - 5°C) ed uno, invece, attivo, utilizzabile per la preparazione del pane (15 - 20 °C).
Il primo viene essiccato per liofilizzazione (crio-essiccamento) e ridotto in compresse o scaglie, si ottiene così un prodotto integro dal punto vista nutrizionale.
Il secondo tipo di Lievito viene ridotto in panetti ed utilizzato per la panificazione.
Dal punto vista nutrizionale, come integratore, è solo il primo dei due che risulta interessante.
Il suo interesse si rivolge alla sua attività benefica sulla flora batterica intestinale (regolarità dell'alvo e rinforzo delle difese immunitarie; sulla pelle ha effetti benefici contro Acne, seborrea, eczema, foruncoli, ecc.; inoltre sulle unghie e sui capelli ma molto altro ancora.
Contiene naturalmente vitamine, proteine, minerali ed enzimi utili.
La presenza di Vitamine del Gruppo B, fa di questo integratore naturale un ricostituente vitaminico per combattere stress, restituire vitalità anche in caso di stanchezza cronica.
La presenza di Vitamina B3 (Niacina) e B6 (Piridossina), che contribuiscono alla formazione di Serotonina (ormone del Buon umore) rendono questo integratore un buon alleato anche nei casi di depressione lieve. A meno di specifiche intolleranze ai lieviti ed in particolare a questo di Birra, il Lievito in scaglie è un integratore che non ha controindicazioni poichè l'apporto dei principi di cui è ricco, avviene in caso di carenza per compensarla, nel caso contrario, l'eccesso di vitamine viene eliminato dall'organismo, come per tutte le vitamine idrosolubili.
Si tenga presente che il Lievito di birra è anche un portatore di piccole quantità di Vitamina B12, anche se non lo raccomando come integratore di B12 per chi segue uno stile di vita Vegano poichè le quantità apportate non sarebbero sufficienti a sostenerne le scorte.

QUANTO ASSUMERNE
Non si parla di dosaggi precisi ma di dosi suggerite, che possono andare da 2 a 4 cucchiai di Lievito in scaglie al giorno (che diventano da 1 a 3 cucchiaini per i bambini).
A seconda poi di eventuali piccoli gonfiori che seguono alle prime assunzioni, potrebbe essere il caso di iniziare con quantità piccole ed aumentarle progressivamente.
I Vegani dovrebbero assumerlo costantemente facendo delle pause periodiche. Come ho già detto però questo integratore da solo non può mantenere i livelli necessari di B12; sicuramente associato ad altri cibi apportatori di B12 (Alghe) può essere preso in considerazione per tale compito.

COME SI ASSUME
Va detto subito che il Lievito non va scaldato, quindi non va aggiunto al cibo durante le cotture. Deve essere spolverizzato su cibi crudi (insalate) o su cibi cotti appena dopo essere serviti; in questo caso si ottiene anche un effetto insaporitore.

CHI NON DEVE ASSUMERLO
Chi ha intolleranze al prodotto o in generale ai lieviti. Chi ha problemi di Candidosi non deve assumerlo poichè i funghi come la Candida si nutrono anche di lieviti.
Salvo queste eccezzioni, il Lievito di Birra è solitamente ben tollerato se non se ne fa un uso superiore alle dosi suggerite.


Equilibrio - Lievito Alimentare in Scaglie Bio Equilibrio - Lievito Alimentare in Scaglie Bio
Con farina di malto d'orzo.


Vedi la scheda su il Giardino dei Libri

mercoledì 19 luglio 2017

INSUFFICIENZA VENOSA: la potenza del Rusco

Il nome latino di questa pianta, Ruscus Aculeatus, deriva probabilmente da rusticus ("delle campagne") in quanto molto spesso usato nei tempi dai contadini; aculeatus ha a che fare con la forma  di aculeo delle false foglie. Il nome volgare di questa pianta è Pungitopo perchè, grazie ai rami spinosi, veniva spesso utilizzato a fasci per la protezione dei cibi contro i topi.
Inizialmente il Rusco veniva molto più usato in passato per le sue proprietà diuretiche, mentre più recentemente, parliamo degli anni '50, ne sono state scoperte ed accertate le attività vasotoniche, inizialmente sperimentate come decongestionante emorroidale. A seguire si scoprono le attività antinfiammatorie e antiedemigene del Rusco, che lo rendono oggi una delle piante più importanti per l'Insufficienza venosa.
L'insufficienza venosa comporta la seguente sintomatologia:
- dolori ai polpacci
- sensazione di pesantezza
- crampi
- parestesie
- gonfiore degli arti inferiori
- prurito
Per il plesso emorroidale si associano sintomi come bruciore e prurito.
Non è da me esaltare le proprietà di un prodotto naturale senza sottolineare che, come sempre, la prima cosa che dobbiamo curare per ottenere i migliori benefici per la nostra salute è l'Alimentazione.  L'insufficienza venosa, in qualunque area del corpo si manifesti, è un disturbo legato alla ben più generale situazione di sbilancio acido-basico a favore dell'acidosi che di per sè consuma grandi quantità di minerali, sottraendoli là dove meno possono essere disastrosi i danni della loro mancanza. Sappiamo infatti che l'equilibrio fisiologico Acido-Base è di importanza vitale, ragion per cui, in caso di acidosi, il nostro organismo toglierà minerali anche dai tessuti connettivi che sono le strutture di sostegno e contenimento dei nostri organi e visceri.
Tuttavia trovo nel Rusco un benefico alleato di questo segnale di debolezza dei vasi sanguigni che, come rimedio di assalto, è decisamente il più indicato, più dell'Ippocastano.
In particolare per la risoluzione delle problematiche circolatorie che affliggono il plesso emorroidale e e gli arti inferiori, il Rizoma del Rusco è la parte più utilizzata.
I principi attivi che esercitano l'azione più importante del Rusco sono due Saponine steroidee , la ruscogenina e la neoruscogenina . Oltre a queste il Rusco contiene anche Flavonoidi e un olio essenziale importanti per il benessere del microcircolo.
Il meccanismo di azione delle saponine riguarderebbe un'interazione con gli alfa-recettori adrenergici presenti nelle pareti venose, attuando una contrazione della muscolatura liscia del vaso con conseguente vasocostrizione. Il tutto risulta in una tonificazione dei vasi ed un miglioramento del ritorno del sangue venoso.
Studi clinici diversi hanno evidenziato l'attività positiva di estratti standardizzati di Rusco con notevoli miglioramenti della circonferenza degli arti e delle caviglie, della pesantezza e del prurito legati alla stasi venosa di pazienti affetti da insufficienza.
La contemporanea assunzione di Vitamina C migliora l'azione dell'estratto secco di Rusco.
L'enorme diffusione di questi disturbi di insufficienza venosa è associabile ad una alimentazione troppo ricca di proteine, carboidrati (soprattutto raffinati come farine e zucchero) e grassi (soprattutto insaturi derivanti da carni rosse e non) che producono metaboliti acidi e quindi acidificanti con le conseguenze sopra menzionate in relazione all'acidosi.
In generale il Rusco risulta essere un ottimo rimedio nel caso vi siano edemi e gonfiori agli arti inferiori.
Di fronte ad una enorme richiesta, sul mercato si trovano numerosissimi prodotti, buoni e meno buoni, efficaci e meno efficaci. Occorre quindi fare molta attenzione ai componenti dei prodotti che ci propongono, evitando complesse composizioni con ingredienti non efficaci ma molto utili per aumentare il prezzo del prodotto.
Le migliori associazioni di prodotti naturali per combattere le insufficienze venose sono:
- Rusco Tintura Madre  (TM) + Ippocastano Macerato glicerinato (MG) (eventualmente aggiungendo anche il Castagno che è un ottimo drenante linfatico)
Per problematiche legate a fragilità capillare l'associazione tra il Rusco TM e il Mirtillo TM e Ginkgo MG (il Mirtillo può essere assunto anche sotto forma di succo puro in un normale programma alimentare).
Si possono trovare anche preparati topici in creme e gel a base di Rusco (Pungitopo) con Oli essenziali di Cipresso e Menta; oppure l'associazione Centella ed essenza di Limone.
Per l'assunzione dei preparati per uso orale (TM e MG) è sempre meglio confrontarsi con il proprio medico curante nei casi di patologie dell'apparato cardiovascolare che implicano problemi di pressione, dove magari già si stanno assumendo farmaci; questo confronto è utile anche per conoscere le compatibilità tra i farmaci assunti e i prodotti naturali sopra menzionati.