Translate

martedì 6 febbraio 2018

Antibiotico resistenza: un aggiornamento da OggiSalute.


Nel momento in cui il timore per la diffusione dei batteri resistenti agli antibiotici “suscita un giustificato allarme, è bene ripartire, per così dire, dai fondamentali”. Lo suggerisce il presidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi), senatore Andrea Mandelli. “Nei giorni scorsi il National Institute for Clinical and Healthcare Excellence (Nice) britannico ha pubblicato le nuove linee guida per il trattamento delle angine, cui di solito ci si riferisce come ‘mal di gola’, dicendo a chiare lettere che il ricorso agli antibiotici è inutile. In primo luogo perché nella maggioranza dei casi anche faringiti e tonsilliti sono dovute a virus e non a batteri – precisa – e poi perché, anche quando si tratta di infezioni batteriche, il ricorso all’antibiotico cambia di poco l’evoluzione del disturbo”.
“Se generalmente i sintomi si risolvono in 7 giorni, con l’assunzione del farmaco, dicono gli studi, il decorso si abbrevia di poche ore. In compenso si corre il rischio di selezionare una popolazione batterica capace di sopravvivere all’azione dell’antibiotico”, afferma Mandelli. Il Nice, quindi, ha raccomandato di ricorrere ad antinfiammatori e analgesici per contrastare i sintomi dolorosi, medicinali che sono disponibili anche senza ricetta.
“Il messaggio è semplice: anche se si ha in casa un antibiotico avanzato da una precedente occasione, assumerlo in queste circostanze è inutile e anzi controproducente, così come non ha senso insistere con il medico o il farmacista per ottenere questi medicinali, che sono dispensabili solo dietro prescrizione. Poi è evidente che, se la situazione peggiora – puntualizza Mandelli – il disturbo si prolunga oltre i 7 giorni o ai sintomi locali si aggiunge una situazione di malessere generale, è fondamentale ricorrere al medico. Questi possono sembrare episodi di importanza minore, ma è proprio dall’impiego scorretto degli antibiotici per condizioni molto diffuse che viene alimentato il fenomeno dei cosiddetti superbatteri”.
(Fonte: Adnkronos)

giovedì 25 gennaio 2018

TUMORE E NUTRIZIONE: un legame riconosciuto. Parliamo di Prevenzione.

"La nutrizione gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione della patologia oncologica. Molti studi hanno ormai dimostrato che il 30% dei tumori sono attribuibili a fattori alimentari. Il sovrappeso, l'obesità, le cattive abitudini alimentari ed una scarsa attività fisica sono fattori strettamente correlati con lo stile di vita che possono essere modificati per ridurre l'incidenza di patologie neoplastiche.
La riduzione del proprio peso corporeo in caso di sovrappeso o obesità, è un obiettivo primario per la popolazione sana o ex-oncologica che desidera intraprendere un percorso di prevenzione.
Nel caso di pazienti in trattamento attivo, invece, è necessario mirare alla prevenzione e alla cura della malnutrizione. Spesso la prima espressione dell'alterazione dello stato nutrizionale è la perdita di peso che può peggiorare la tolleranza alle terapie, sia chirurgiche che chemio-radioterapiche.
Inoltre durante o dopo i trattamenti, può essere necessario seguire un'alimentazione specifica in relazione a sequele date dalle terapie o effetti collaterali nutrizionali causati da interventi chirurgici.
Ridurre la perdita di peso, mantenendo un peso corporeo costante e un corretto stato nutrizionale, permette di rispondere meglio sia alle terapie oncologiche che allo stress di un intervento chirurgico"
Chi direbbe che quanto scritto qui sopra sia estratto da un volantino distribuito allo IEO (Istituto Europeo di Oncologia)?
Senza troppi mezzi termini si legge chiaramente che l'Alimentazione ha a che fare con la capacità non solo di prevenire il cancro ma anche di supportare le terapie eventualmente già in corso, e anche gli strascici di interventi chirurgici eseguiti a causa del cancro.
Al di là di questa piccola finestra che viene aperta ufficialmente anche allo IEO sul legame tra Tumori e l'Alimentazione, è ormai accettato in maniera molto più vasta e panoramica che l'Alimentazione gioca un ruolo determinante nello stato di Salute in generale, tanto che nell'Istituto fondato dal Prof. Umberto Veronesi si è messo a disposizione uno specifico servizio di Nutrizione che si occupa di predisporre specifiche diete alimentari per ogni tipo di paziente. Peccato che questo servizio sia a pagamento, ovvero solo per chi può permetterselo e per chi lo richieda specificamente.
Questo dovrebbe essere un servizio a carico del Sistema Sanitario Nazionale affinchè tutti i malati ne possano usufruire ed essere addirittura una parte integrante del percorso di cura e di ripristino della salute del paziente.
Il Prof. Veronesi stesso, fautore della dieta Vegetariana e Vegana come stili alimentari legati alla Salute dell'individuo, ha creduto fortemente in questo connubio indelebile tra salute e nutrizione, tanto da realizzare questo servizio nel suo istituto.
Il Prof. Berrino, che ha concluso la sua carriera all'Istituto dei Tumori di Milano, ne è uscito con un bagaglio di conoscenze che fanno della Sana Alimentazione il baluardo di eccellenza per la prevenzione dei tumori.
Visto che parliamo di Prevenzione, è d'obbligo un chiarimento dell'argomento rispetto al mio punto di vista.
Quando si parla di prevenzione si è soliti pensare che la prevenzione sia legata allo svolgimento di determinate analisi mediche atte a scoprire il più precocemente possibile eventuali alterazioni dello stato di salute, eventuali patologie. La classe Medica è solita dire che quanto prima si scoprono determinate malattie e tanto meglio e prima si può intervenire. Ma come? Ovviamente con i metodi che sono tipici della Medicina convenzionale: terapie farmacologiche e terapie chirurgiche. In termini che più mi si addicono non è certo questa la vera prevenzione; piuttosto è una scoperta precoce di Sintomi oggettivi (ossia determinati mediante analisi cliniche) con conseguente intervento terapeutico convenzionale.
La vera Prevenzione è invece quella che ci permette di non far emergere nessun sintomo e quindi, secondo la medicina convenzionale, nessuna malattia. La vera Prevenzione è quella che ci permette di mantenere inalterato lo stato di Salute e tenere lontano la Malattia.
La vera Prevenzione si fa con uno STILE DI VITA sano, o meglio idoneo alla nostra persona, al nostro CORPO e alla nostra MENTE, come al nostro SPIRITO, le unità inscindibili che sono alla base della nostra VITA.
Non c'è da restare stupiti quindi se io, come molti altri, pongono l'ALIMENTAZIONE alla base della salute e quindi come unico mezzo di Prevenzione vero e proprio; a mio avviso, nell'ambito delle scienze materialistiche è l'unico vero mezzo di prevenzione se si escludono tutte le pratiche che hanno a che fare con la salute della mente e dello spirito che sono ben lontane dagli obiettivi della Medicina Convenzionale.

mercoledì 27 dicembre 2017

MICOTERAPIA: Bukuryo (Poria Cocos)

BUKURYO, il Fungo diuretico e sedativo.
I composti attivi di questo fungo hanno importanti proprietà diuretiche e depuranti; molto indicato nei casi di ritenzione dei liquidi con particolare attenzione nell'eliminazione del Sodio, correlato con stati di gonfiore e ipertensione, consente di risparmiare il Potassio, indispensabile per mantenere l'equilibrio idrico generale.
Inoltre il Poria Cocos gode di proprietà ansiolitiche e sedative rendendolo un ottimo supporto nei casi di disturbi della sfera psicosomatica.
Alcuni studi hanno anche dimostrato come alcuni composti particolari di questo fungo abbiano importanti proprietà nella regolazione dell'equilibrio immunologico.
E' noto anche come RADICE DELLA CINA ed è uno dei rimedi più antichi utilizzato nella Medicina Tradizionale Cinese.
Negli Stati Uniti è noto anche come PANE DEGLI INDIANI: infatti una volta cucinato rivela una consistenza morbida e un sapore dolce.
E' diffuso nella Cina del nord, Giappone, Corea e America del nord.

RIASSUMENDO

Azioni principali:
- riequilibrante idrico (ritenzione idrica, edema)
- benessere psichico (ansia, astenia, nervosismo, agitazione)

Azioni secondarie:
- funzionalità renale ed epatica
- prevenzione insufficienza renale
- coadiuvante delle principali patologia autoimmuni

martedì 19 dicembre 2017

MICOTERAPIA: Tochukaso (Cordyceps sinensis)

TOCHUKASO, il Fungo dell'efficienza Psico-Fisica.
Naturalmente il suo ambiente ideale sono le grandi altezze, dove è necessario sviluppare strategie specifiche per ottimizzare il consumo di ossigeno e produrre energia cellulare; questo è il motivo per cui questo fungo è importante nell'imprimere un certo tono e fornire energia.

Il Cordyceps sinensis è considerato un vero e proprio ricostituente, aumenta infatti i livelli di ATP (AdenosinTriPhosphate) la molecola implicata nella produzione di energia a livello cellulare, accrescendo l'energia complessiva generale dell'organismo e migliorando di conseguenza le performance fisiche aerobiche.
Tochukaso incrementa anche la produzione di DHEA, l'ormone della giovinezza; svolge inoltre un'azione tonica sul sistema genitale, aumentando l'afflusso di sangue, migliorando l'erezione nell'uomo e il desiderio nella donna.
Inutile dire che la sua origine è nelle alture Himalayane tra i 3000 e i 5000 metri; utilizzato nella medicina tradizionale Cinese da migliaia di anni.
Negli anni '93 - '96 fu utilizzato dalle atlete cinesi che ebbero performance "super" ai campionati mondiali, polverizzando ogni record; il loro allenatore svelò il segreto di questo preparato esclusivamente naturale assunto proprio dalle sue atlete.

RIASSUMENDO
Azioni principali
- miglioramento dell'umore, riduzione affaticamento, stress fisico e psichico, aumento concentrazione, lucidità mentale e memoria.
- coadiuvante attività fisica (aumento della resistenza alla fatica, benessere muscolare).

Azioni secondarie
- regolazione aritmie
- benessere epatico e biliare
- riequilibrio ormonale e desiderio sessuale
- metabolismo dei lipidi (sovrappeso, dislipidemia, ipertensione)
- anti.aging (antinvecchiamento)
- appetito eccessivo






venerdì 15 dicembre 2017

MICOTERAPIA: Chorei Maitake (Polyporus umbellatus)

CHOREI MAITAKE è anche noto come il "Fungo dell'apparato urinario".
Sono infatti notevoli le sue proprietà per il buon funzionamento dell'apparato urinario con alcune caratteristiche uniche e non paragonabili ai farmaci utilizzati allo stesso scopo.
In modo particolare, questo fungo è un coadiuvante della salute dei Reni e del sistema Genitourinario. Svolge infatti un'azione che favorisce la produzione di urina, aiuta a combattere la ritenzione idrica ed il gonfiore delle gambe, migliora la stasi linfatica, drena e depura dalle tossine con una caratteristica unica: riesce ad eliminare il Sodio ed il Cloro senza disperdere il Potassio.
E' utile per il benessere di muscoli e nervi.
E' molto ricco di minerali rivelandosi molto utile nel migliorare e rafforzare la struttura dell'Epidermide; la ricchezza di minerali è alla base della sua capacità di contribuire a preservare il Collagene, componente essenziale dei tessuti connettivi come Pelle, Tendini, Ossa.
Grazie alla presenza di una specifica categoria di sostanze (i Poliporusteroni) favorisce al ricrescita dei capelli.
Per trovarlo dobbiamo recarci nelle zone settentrionali temperate dell'Europa e dell'Asia; cresce in folti gruppi di grandi dimensioni (30 - 50 cm) , dall'estate all'autunno, vicino alle radici di faggi, aceri e querce, tra il fogliame e sui tronchi di alberi.
Lo si trova descritto sia in antichi trattati della Medicina Tradizionale Cinese ma anche nella farmacopea moderna cinese.

RIASSUMENDO
Azioni principali
- funzionalità delle vie urinarie
- benessere circolatorio (ipertensione, edemi articolari, edemi linfatici)
- ricrescita dei capelli

Azioni secondarie
- funzionalità renale (prevenzione calcoli)
- benessere epidermide (acne, dermatiti da contatto)
- controllo del peso






martedì 12 dicembre 2017

MICOTERAPIA: Hiratake (Pleurotus ostreatus)

HIRATAKE è il Fungo per la regolazione dei lipidi e dell'infiammazione detto anche Fungo Orecchione, apprezzato sia in cucina che per le sue proprietà terapeutiche.

E' un fungo ricco di fibre che concorrono a diminuire l'assorbimento di zuccheri e grassi a livello intestinale.
E' ricco di LOVASTATINA, una sostanza attiva nel contrastare la formazione di colesterolo cattivo.
Studi scientifici hanno dimostrato le sue proprietà antidolorifiche nei casi di infiammazioni croniche.
E' di ottimo supporto alla modulazione del sistema immunitario e nel favorire la crescita di microrganismi adatti alla salute del Colon.
Contiene acido Nicotinico che stimola la produzione di enzimi antiossidanti particolarmente adatti alla protezione del Fegato oltre che a contrastare i Radicali Liberi.

Lo si trova in Asia, Europa, Sud America e Africa ed in natura profuma di farina fresca. Ha un cappello a forma di Ostrica (ostreatus) che può arrivare fino a 20 cm di diametro. E' noto anche come Fungo Orecchione, mentre in Cina come Fungo piatto o Ping Gu.
Data la semplicità del processo di coltivazione è un fungo molto comune sia a livello domestico, particolarmente apprezzato in cucina, sia a livello industriale.

RIASSUMENDO

Azioni principali
- metabolismo lipidico (colesterolo e trigliceridi alti)
- benessere cardiovascolare
- sostegno per gli stati dolorosi

Azioni secondarie
- funzionalità epatica
- controllo ipertensione
- regolazione sistema immunitario (Infezioni virali, batteriche e fungine)
- benessere del Colon








giovedì 7 dicembre 2017

MICOTERAPIA: Sasakure Hitoyotake (Coprinus comatus)

SESAKURE HITOYOTAKE, il Fungo con un'azione importante sulla regolazione della Glicemia.
Tra i funghi medicinali sembra essere quello che ha più attività nella regolazione dei livelli di Glucosio nel sangue grazie alla presenza congiunta di Vanadio e Ferro.
Il VANADIO minerale oligoelemento che interviene sul metabolismo dell'Insulina che fisiologicamente ha un'azione di abbassare il livello di Glucosio sanguigno; il FERRO che contrasta l'azione del Vanadio nell'inibire l'azione di alcuni enzimi.
La modulazione dei GLUCIDI favorisce la riduzione del grasso addominale.
Il Coprinus Comatus ha una importante azione coadiuvante nella protezione e rivitalizzazione delle cellule pancreatiche e nella riduzione dei livelli di PSA agendo sul benessere della prostata.

Si tratta di un fungo molto comune ed è diffuso nelle aree settentrionali temperate; cresce nelle stagioni piovose dalla primavera all'autunno. Ha uno sviluppo molto rapido: generalmente compare durante la notte e in poche ore raggiunge la maturazione totale.
E' apprezzato anche in cucina, noto anche come Coprino Chiomato o Fungo di Porcellana.
Una volta terminata la fase di maturazione il fungo diventa nero e una volta dal suo cappello si estraeva un liquido colorante molto resistente: per questo è anche chiamato il Fungo dell'Inchiostro.

RIASSUMENDO
Attività principali
- metabolismo glucidico (utile nel Diabete sia di tipo I che di tipo II)
- sindrome metabolica con Obesità addominale
- attività antiparassitaria, antiprotozoaria, antibatterica (Helicobacter Pylori, Escherichia Coli, Streptococco, Stafilococco)

Attività secondarie
- stimolante sistema immunitario
- funzionalità pancreatica
- benessere prostatico